Get Adobe Flash player

Articoli marcati con tag ‘torquato la mattina’

Forme liberate, riscattate dalla schiavitù dell’uso.

Torquato La Mattina sceglie per la sua ricerca materiali spesso consumati dall’uso quotidiano o comunque che si portano dietro una dichiarata perdita di funzione. È il caso degli stracci, che caratterizzano il suo ciclo recente e che vengono manipolati come forma plastica fino ad essere bloccati, irrigiditi, per rendere stabile, indeformabile e duraturo il loro rapporto co la luce e con l’ombra. Ottiene, così volumi ed effetti di pieni e di vuoti che rivelano il suo interesse per lo sviluppo delle forme che si avvolgono, si sovrappongono e scoprono la loro sotterraneità come quando dai viluppi dello straccio una bottiglia di plastica emerge ottenendo toni quasi scultorei. Leggi il resto di questo articolo »

I.R.R.A.D.I.A (Eng)

Goethe said of himself that his poems had all the characteristics of a great confession. If significant forms emerge from life, or better still, from the spiritual life that feeds it, can the aesthetic experience be used as clarification, as participation of truth (a truth, not The Truth) and at the same time, or because of it, become an experience of autocomprehension ? Torquato La Mattina acts in this dimension: to give shape to a thought in order to investigate it and to investigate himself. From the mechanical universe that surrounds us and inexorably interferes with our lives, he identifies and recovers an object (whose formal aspect moreover recognises an implicit artisitic quality) which already has a significant institutional use, he distorts it, clothes it in an aesthetic quotient, he brings new values to it. Leggi il resto di questo articolo »